AZIONARIATO ATTIVO ED ENGAGEMENT

Mediobanca SGR ritiene che l’interazione regolare con le Società oggetto di investimento sia necessaria e contribuisca a generare migliori performance a lungo termine per gli investitori.

Per tale ragione la SGR adotta una strategia documentata con riferimento all’esercizio dei diritti di voto e all’attività di engagement.

La strategia trova applicazione nell’ambito della gestione degli OICVM aperti e dei FIA mobiliari chiusi riservati istituiti e gestiti dalla SGR e definisce misure e procedure per:

  • monitorare gli eventi societari (corporate action);
  • svolgere attività di intervento – c.d. engagement;
  • assicurare che i diritti di voto siano esercitati conformemente agli obiettivi e alla politica di investimento del fondo interessato;
  • prevenire o gestire ogni conflitto di interesse risultante dall’esercizio dei diritti di voto.

La SGR si impegna ad incoraggiare le società nelle quali ha investito ad adottare un dialogo aperto sul proprio approccio responsabile e su come i fattori ESG influiscano sulla loro attività, in modo particolare sull’adozione di best practice in materia di governance aziendale.

Adotta un approccio “mirato” che prevede la selezione delle società su cui focalizzare l’attività di engagement, in considerazione: (i) dell’utilità dell’interazione rispetto agli interessi dei patrimoni gestiti; (ii) della possibilità di incidere sulle decisioni in relazione alle azioni con diritto di voto possedute o della quota posseduta dell’emissione obbligazionaria.

Con riferimento all’attività di azionariato attivo la SGR ha definito criteri qualitativi e quantitativi per stabilire se partecipare o meno alle riunioni assembleari e valuta, di volta in volta, la rilevanza dei temi trattati, l’utilità della partecipazione agli interessi dei patrimoni gestiti e la possibilità di incidere sulle decisioni in relazione alle azioni con diritto di voto possedute.